Parma, Il “termovalorizzatore” nuoce alla salute di tutti!

Le sostanze emesse verranno respirate dalle persone con possibili danni alla salute. Altre si depositeranno sulle colture ed entreranno nel ciclo alimentare. Quale futuro allora per i nostri prodotti tipici ? Parmigiano alle nanoparticelle? Salumi al NOx ? Pomodori ai metalli pesanti? ADDIO prodotti con marchio DOP! Addio alla nostra economia, la salute nostra e quella dei nostri figli compromessa per cosa?

I cittadini italiani dovrebbero sapere che per l’inceneritore a recupero energetico, vero nome dell’impropriamente detto “termovalorizzatore”, non esistono indagini epidemiologiche aggiornate e quindi qualsiasi Ente pubblico o privato che intenda rassicurare le comunità è palesemente o disinformato o in mala fede. La nostra Costituzione tutela la salute, e l’Unione Europea adotta il principio di prevenzione, questo significa che in un clima di incertezza gli Enti pubblici non sono autorizzati ad approvare impianti di cui non si conoscano i reali impatti sanitari. Invece per gli impianti d’incenerimento oggi in funzione datati più di un decina di anni fa e con tecnologie più vecchie i danni sanitari sono noti ed accertati da un’ampia letteratura medica internazionale consultabile anche su internet. Gli impianti di nuova generazione, costruiti da poco, in costruzione o in fase di progettazione risultano essere ancora più rischiosi poiché i forni bruciano a temperature maggiori rispetto ai vecchi creando polveri ultra fini o nano polveri inorganiche di cui non esistono filtri capaci di bloccarle, come testimoniano numerosi gruppi di ricerca italiani ed europei. Lo scienziato italiano Antonietta Gatti è a capo di una squadra di ricercatori – CNISM, Uni Salisburgo Austria, IBMT Germania, CNR Italia, UMG Grecia, GRIMM Germania, VITO Belgio, CSEM Svizzera, ICN Spagna, ISPRA – chiamata progetto DIPNA, co-finanziato dall’Unione Europea, che studia come queste nano polveri riescano ad entrare nel nucleo della cellula umana.

L’alternativa esiste ed è percorribile RICICLARE! Come evidenziato dallo schema pubblicato qui sotto, il “termovalorizzatore”, oltre ad essere estremamente dannoso, ha anche dei costi altissimi per la comunità. Nello schema vengono paragonati l’inceneritore che la Provincia ed il Comune consentono ad Enia di costruire, invece di prendere in considerazione un impianto di riciclo come quello di Vedelago in provincia di Treviso. Risulta evidente come i costi/benefici siano decisamente a sfavore della popolazione nel caso dell’inceneritore. L’impianto di Vedelago tratta circa 22.000 tonnellate all’anno di materiale che sarebbe dovuto essere conferito in discarica o agli inceneritori. Di questa gran quantità di rifiuti, viene recuperato il 100%, dichiara la titolare dell’azienda Carla Poli, che qualche giorno fa presso la Camera di Commercio di Napoli ha dichiarato che con soli 10 milioni di euro è possibile risolvere la crisi rifiuti in Campania. L’azienda di Vedelago è privata e si regge su sè stessa, creando utili senza ricevere i finanziamenti statali denominati Cip6 destinati invece agli inceneritori. I suoi impianti hanno suscitato interesse ed apprezzamento in tutt’Europa al punto che Svizzeri, Tedeschi ed Olandesi hanno deciso di ordinare impianti simili. Inoltre per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti, muovendosi nel modo giusto, è possibile passare in poco tempo da una bassa percentuale di rifiuto differenziato ad una altissima, come dimostra il Comune di Ponte delle Alpi in provincia di Belluno, che nel giro di soli 6 mesi è riuscito a passare da una raccolta differenziata del 23% al 80%,diminuendo allo stesso tempo i costi del 12%.

Si dovrebbe iniziare ad avere un approccio differente verso l’oggetto RIFIUTO. Dal punto di vista scientifico la questione è davvero banale. La natura non produce rifiuti e gli unici soggetti a produrli sono le industrie. L’approccio necessario a comprendere questo processo è l’analisi del ciclo di vita delle merci. Produrre una merce necessita di un elevato consumo di energia e di depauperamento delle risorse naturali, questo processo produce danni irreversibili e rilevanti per la natura umana e l’ambiente. Oggi l’uomo può produrre merci meno tossiche ed inquinanti, e bruciare tali merci è del tutto fuori da ogni logica del buon senso e del commercio. La Terra è un “sistema chiuso e finito” per cui processi industriali dotati di combustioni risultano dannosi ed inquinanti, gas e polveri prodotte dalle combustioni rimangono nel sistema Terra ed entrano a contatto con gli esseri viventi. Mentre la natura è capace di trovare un suo equilibrio purtroppo la natura umana non è compatibile con gli scarti – gas e polveri – di tutti i processi di combustione che le industrie realizzano, quindi è necessario cambiare tecnologia per produrre merci necessarie all’uso umano.

Mentre molti Paesi stanno affrontano il problema delle merci alla radice, solo l’Italia compie scelte figlie della corruzione politica. La soluzione è ampiamente conosciuta e dibattuta ed ora molte industrie stanno iniziando a progettare con regole di ecodesign e cioè merci riciclabili. Dal punto di vista sanitario è necessario non usare più sostanze chimiche tossiche che possono indurre l’insorgenza di neoplasie.

Oggi le merci non utilizzate possono essere riciclate, lo dimostrano gli impianti di riciclo presenti anche in Italia. La filiera del riciclo è virtuosa in tutti i sensi, gli impianti costano molto meno degli inceneritori, e quindi riduzione degli sprechi economici, il numero del personale addetto è maggiore, e con una buona raccolta differenziata “porta a porta” finalizzata al riciclo si riesce anche a ridurre la percentuale di materiale da conferire in discarica arrivando molto vicini a rifiuti zero. Una struttura di ricerca può studiare l’indifferenziato per rimetterlo nel mercato.

Le norme italiane prevedono la riduzione e la prevenzione del rifiuto e l’incenerimento è palesemente antitetico a tale obiettivo poiché necessità di merce da bruciare. L’Italia è già dotata di un numero eccessivo di impianti di incenerimento che stanno creando danni sanitari ed ambientali irreversibili e non ne ha bisogno di altri, anzi è necessario un piano strategico a breve e medio periodo per chiuderli tutti e sostituirli con impianti di riciclo.

conf_incenia-tmb

sovranita_monetaria

Annunci

Tag: , , , , ,

7 Risposte to “Parma, Il “termovalorizzatore” nuoce alla salute di tutti!”

  1. andrea Says:

    fermiamoli!
    a tutti i costi!

  2. carloreggiani Says:

    Ciao

    Anche a Verona stiamo lottando contro la politica che ci vuole riaccendere un inceneritore in una delle province piu’ riciclone d’Italia!

    Vi invito a sostenere la anche la nostra lotta contro la disinformazione sugli inceneritori postando su http://pervillafranca.wordpress.com/2008/11/11/ca-del-bue-brucia-la-nostra-salute-e-i-nostri-soldi/

    karlo

  3. Elisabetta Says:

    personalmente credo solo nel riciclo,ma come fare a sensibilizzare i più, così incapaci a ribellarsi contro ciò che altri decidono per loro….quando poi c’è gente come il prof. Veronesi che assicura la totale innocuità delle emissioni dei termovaliorizzatori? Ho l’impressione che non ci resti molto spazio per la discussione, ci stanno togliendo anche la possibilità di scendere in piazza a dimostrare la nostra volontà ! C’è da preoccuparsi molto questo lo so. Sono pronta ad andare a distribuire volantini che diffondano queste notizie. Fatemi sapere se ci fosse bisogno di manovalanza. Almeno che la gente sia consapevole!

  4. matierno Says:

    ciao Elisabetta,

    abbiamo bisogno di essere umani. Partecipare agli incontri del meetup è necessario.

    ciao
    Peppe

  5. Vero Says:

    Un termovalorizzatore non é un inceneritore!! Dai camini dei termovalorizzatori non escono diossine. Le diossine in italia sono prodotte in gran parte dalle stufe casalinghe: per esempio bruciando i cartoni del latte! oppure quando i contadini bruciano i rifiuti dei campi. Le diossine vengono prodotte in quanto i materiali sono bruciati con temperature troppo basse o troppo alte!! E non é vero che negli altri paesi non li usano: guardate alla Scandinavia!!
    Smettiamola di dare ragione a tutte le persone che parlano di inceneritori senza sapere come funzionano!!
    Ciao
    Vero

  6. matierno Says:

    @Vero,

    Credo e spero che tu non sia un medico per le enormi menzogni che affermi a causa della tua disinformazione, ti invito a leggerti la letteratura medica internazionale (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entrez) e digitando le parole incenerator waste (inceneritore rifiuti) risultano presenti 745 documenti che aumentano col trascorrere del tempo. Informati sulla vita di Renzo Tomatis, oncologo che ha quasi “inventato” l’IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro – http://www.iarc.fr/). Su youtube ci sono numerose interviste di oncologi come Patrizia Gentilini e poi l’Ordine dei Medici francesi ha chiesto una moratoria contro gli inceneritori. La parola termovalorizzatore non esiste nella letteratura tecnica europea sul trattamento dei rifiuti, e la letteratura tecnica su tali impianti parla di inceneritore a recupero energetico, si tratta solo di un volgare marketing politico italiano. Da Umberto Ghezzi (in Albero Clò, energia e tecnologia, Editrice compositori, pag. 241), noto progettista di inceneritori, si parla di microinquinanti (metalli ed organoclorurati), e ci si dimentica dei nanoinquinanti (PM 1 e PM 0,1) solo perché le norme non li vietano ancora. Ma medici e ricercatori sono a conoscenza della tossicità delle nanopolveri sull’umo, vedasi il progetto DIPNA co-finanziato dall’UE. Applicando il principio di precauzione, valido anche in Italia, quando non ci sono certezze epidemiologiche e tossicologiche gli Enti pubblici non devono approvare impianti (inceneritori di ultima generazione) di cui non si hanno certezze sui rischi sanitari. Spero tu riesca ad appianare la tua disinformazione, buona lettura.

  7. lupetti alessandro Says:

    in risposta a come possiamo fare per sensibilizzare la differenziata:perchè non partiamo dalle scuole,dagli asili in avanti,informando i genitori,gli insegnanti,i bambini dei rischi che corrono ,di quanto realmente si puo fare per salvaguardare la salute collettiva, con dei semplici gesti quotidiani…in alcuni comuni la diff.funziona,basta informare!!!se la risposta sarà positiva(si valuterà attraverso la raccolta di firme) e se la gente,si impegnerà nell’intraprendere questo tipo di percorso,allora nessuno potrà imporre l’apertura di nulla…il ventennio è finito da un pò,sappiamo che in maniera molto più astuta,qualcuno sta cercando di ripercorrere quella strada…non permettiamo a nessuno di imporre le proprie volontà a discapito dei cittadini…mai!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: